Print Friendly, PDF & Email

Rassegna Stampa 16 Gennaio

AgenParl 10:50 16-01-14

CORPO FORESTALE: ROSSI (CISAL-CFS), NON CONDIVIDO SCELTA INGRESSO POLIZIA PROVINCIALE NELL’ORGANICO

(AGENPARL) – Roma, 16 gen – “La disponibilità data dal Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Nunzia De Girolamo, e dal Capo del Corpo Forestale, Cesare Patrone, all’ingresso della Polizia Provinciale per risanare le carenze di organico all’interno dei ruoli del Corpo forestale dello Stato NON può essere condivisa da questa sigla sindacale”. Così il Segretario Nazionale MAL- CFS Valter Rossi” Non è possibile non tener mai conto dei 1.400 lavoratori forestali OTI (operai a tempo indeterminato) e degli OTD (operai a tempo determinato) assunti ai sensi della legge 5 aprile 1985 n. 124, che da circa 30 anni prestano servizio per questa Amministrazione e da allora aspettano di poter transitare nei ruoli del Corpo”. “Come già da noi proposto – continua il Segretario – l’Amministrazione dovrebbe sanare le carenze di personale dell’organico attingendo prioritariamente a questa categoria di lavoratori, già dipendenti del Corpo forestale, attraverso la riorganizzazione dei ruoli ad un costo, per le casse dello Stato, notevolmente inferiore rispetto alla proposta di ingresso delle polizie provinciali”.

 

AgenPari 11:45 16-01-14

CORPO FORESTALE: MAL, CONTRARI A INGRESSO POLIZIA PROVINCIALE

(AGENPARL) – Roma, 16 GEN – “La disponibilità data dal Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Nunzia De Girolamo, e dai Capo del Corpo Forestale, Cesare Patrone, all’ingresso della Polizia Provinciale per risanare le carenze di organico all’interno dei ruoli del Corpo forestale dello Stato NON può essere condivisa da questa sigla sindacale”. Così il Segretario Nazionale CISAL- CFS Valter Rossi “non è possibile non tener mai conto dei 1.400 lavoratori forestali OTI (operai a tempo indeterminato) e degli OTD (operai a tempo determinato) assunti ai sensi della legge 5 aprile 1985 n. 124, che da circa 30 anni prestano servizio per questa Amministrazione e da allora aspettano di poter transitare nei ruoli del Corpo”.

“Come già da noi proposto- continua il Segretario – l’Amministrazione dovrebbe sanare le carenze di personale dell’organico attingendo prioritariamente a questa categoria di lavoratori, già dipendenti del Corpo forestale, attraverso la riorganizzazione dei ruoli ad un costo, per le casse dello Stato, notevolmente inferiore rispetto alla proposta di ingresso delle polizie provinciali”.

 

GLOBALPRESS 12:18 16-01-14 

CISAL-CFS: NO POLIZIA PROVINCIALE NELL’ORGANICO DEL CORPO FORESTALE
ROMA (AGG) – 16 GEN – “La disponibilita’ data dal Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Nunzia De Girolamo, e dal Capo del Corpo Forestale, Cesare Patrone, all’ingresso della Polizia Provinciale per risanare le carenze di organico all’interno dei ruoli del Corpo forestale dello Stato non puoi essere condivisa da questa sigla sindacale”. Così il Segretario Nazionale CISAL-CFS, Valter Rossi. “Non è possibile non tener mai conto dei 1.400 lavoratori forestali 011 (operai a tempo indeterminato) e degli OTD (operai a tempo determinato) assunti ai sensi della legge 5 aprile 1985 n. 124, che da circa 30 anni prestano servizio per questa Amministrazione e da allora aspettano di poter transitare nei ruoli del Corpo. Come già da noi proposto – continua il Segretario – l’Amministrazione dovrebbe sanare le carenze di personale dell’organico attingendo prioritariamente a questa categoria di lavoratori, già dipendenti del Corpo forestale, attraverso la riorganizzazione dei ruoli ad un costo, per le casse dello Stato, notevolmente inferiore rispetto alla proposta di ingresso delle polizie provinciali”.

 

 

2 Commenti per “Rassegna Stampa 16 Gennaio”

  1. rosario bartolo ha detto:

    condivido pienamente quanto esposto dal segretario Walter Rossi.
    Il sottoscritto è un oti dal 1998 e come molti altri svolge mansioni del tutto estranee a quanto riportato dal contratto nazionale scaduto ormai da un decennio. Ricordo un giorno a roma in occasione di un incontro programmato, mattoccia provò ad accennare al Capo di Gabinetto D’Ambrosio di alcuni oti che svolgevano funzioni di studi e ricerca nell’ambito degli UTB intenzionati ad avanzare vertenze per il loro utilizzo improprio, e per tutta risposta il Dr D’Ambrosio rispose ” se non gli garba possono anche tornare a zappare piantine nel bosco”, ma intanto queste persone occupate nei progetti life (orso lupo grifone aquile ungulati e quant’altro) unitamente a coloro che praticano educazione ambientale ed altri che si occupano dei rilievi per il controllo dell’ecosistema, sono diventati il fiore all’occhiello del CFS ma pagati come operai senza mai percepire un centesimo di straordinario e senza diritto alla malattia e infortuni. Sobbarcandosi per ovviare a questi handicap vari fondi integrativi a proprie spese quali : filcoop cassa mutua fimiav per ovviare almeno ai tre giorni di franchigia che in caso di malattia o infortunio che non ti paga nessuno. Sarebbe ora di finirla e ricominciare a scendere in piazza come una volta e non limitandosi a semplici sit-in davanti al ministero o meglio a piazza della republica perchè negli ultimi anni è li che ci confinano. Carissimo Walter anche essendo iscritto in cgil da ormai trenta anni sono in perfetta sintonia con il tuo pensiero e ti invito ad andare avanti per questa strada anche se nutro poche speranze. saluti e buon lavoro.

Commenta

* campi richiesti

Corpo del Messaggio